Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Tutte le novitÓ

27 giugno 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

21.02.2017

Pratiche commerciali scorrette con invio di bollettini e moduli ingannevoli alle imprese

A seguito di diverse segnalazioni pervenute dalle Camere di Commercio, l’Autorità garante della concorrenza è intervenuta per verificare la condotta relativa all’invio di bollettini precompilati alle imprese, con la richiesta di pagamento per l’iscrizione ad un “Casellario Unico Telematico delle Imprese” ovvero ad un “Portale imprese”.
 
L’Autorità garante ha stabilito che le pratiche in oggetto costituiscono pratiche scorrette, ai sensi del codice del consumo (con l’irrogazione di una sanzione amministrativa per i responsabili, rispettivamente di 50.000 euro e di 120.000 euro) poiché le imprese responsabili dell’illecito iscrivevano, unilateralmente e a loro insaputa, i dati aziendali di imprese italiane in un database - presente online su siti internet - al solo fine di promuovere un abbonamento a pagamento ad un servizio di promozione delle principali informazioni aziendali via internet.
 
La scorrettezza della pratica viene ravvisata in due aspetti:

  • nell’invio alle imprese della comunicazione commerciale in un momento temporalmente successivo all’iscrizione o annotazione delle imprese destinatarie di tale comunicazione nel Registro delle imprese e, dunque, a soggetti consapevoli di dover assolvere ad obblighi anche di natura pecuniaria in favore della competente Camera di Commercio anche per non incorrere nelle conseguenze per il ritardo negli adempimenti dovuti.
  • nella sottoscrizione, sul retro del bollettino inviato per il pagamento, di un contratto di “abbonamento” ad un servizio di informazioni aziendali e ciò all’evidente fine di ostacolare l’esercizio del diritto di recesso.

L'Autorità garante ha inoltre realizzato un Vademecum anti-inganni contro le indebite richieste di pagamento delle aziende con l’obiettivo di offrire uno strumento divulgativo con le informazioni utili a proteggersi dai ricorrenti raggiri commerciali posti in essere ai loro danni.

   
>> Scarica il Vademecum anti-inganni


[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!