Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Prodotti tessili

21 maggio 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

Prodotti tessili

Definizione
Tutti i prodotti che, allo stato grezzo, di semilavorati, lavorati, semimanufatti, manufatti, semiconfezionati o confezionati, sono esclusivamente composti di fibre tessili, qualunque sia il procedimento di mischia o di unione utilizzato; sono assimilati ai prodotti tessili:

  • I prodotti contenenti almeno l'80% in peso di fibre tessili;
  • I tessuti, le cui parti tessili costituiscano almeno l'80% in peso, per la copertura di mo bili, per ombrelli, ombrelloni e, alla stessa condizione, le parti tessili dei rivestimenti a più strati per pavimenti, dei materassi e degli articoli da campeggio, nonché le fodere coibenti di calzature e guanti;
  • I prodotti tessili incorporati in altri prodotti di cui siano parte integrante, qualora ne venga specificata la composizione.

Prodotti esclusi:
Le disposizioni previste dalle vigenti norme non si applicano ai prodotti tessili che:

  • sono destinati ad essere esportati verso Paesi terzi;
  • sono introdotti in transito, sotto controllo doganale, negli Stati membri;
  • sono importati da Paesi terzi per fare oggetto di un traffico di perfezionamento attivo;
  • sono dati in lavorazione, senza dar luogo a cessione a titolo oneroso, a lavoranti a domicilio o a imprese indipendenti che lavorano per conto terzi.

Conformità ed obblighi
I prodotti tessili di produzione nazionale e/o importati per essere immessi nel circuito commerciale europeo devono essere etichettati o contrassegnati con un'etichetta che riporti la composizione fibrosa, secondo le modalità previste dalla normativa vigente che fissa i requisiti e le modalità "applicabili ai prodotti tessili per essere immessi sul mercato interno prima di qualsiasi trasformazione oppure durante il ciclo industriale e durante le diverse operazioni inerenti alla loro distribuzione".
A tale riguardo si suggerisce di consultare la guida realizzata dalla Camera di Commercio di Milano dal titolo " L'etichettatura di composizione dei prodotti tessili"
   
Etichette e contrassegni
I prodotti tessili devono essere etichettati o contrassegnati all'atto di ogni operazione di commercializzazione attinente al ciclo industriale e commerciale.
L'etichetta e il contrassegno possono essere sostituiti o completati da documenti commerciali d'accompagnamento, quando questi prodotti non sono offerti in vendita al consumatore finale o quando essi sono consegnati in esecuzione di un'ordinazione dello Stato o di altra persona giuridica di diritto pubblico.
Le indicazioni e le informazioni non previste dalla normativa, ad eccezione di marchi di fabbrica o ragioni sociali, devono essere nettamente separate e non devono dar luogo a confusione.
All'atto dell'offerta e della vendita al consumatore finale, le etichette o i contrassegni devono essere redatti anche in italiano (per spagnolette, rocchetti, matassine, piccoli gomitoli e qualsiasi altra piccola unità di fili per cucito, rammendo e ricamo, deve essere in italiano solo l'etichettatura globale sugli imballaggi o sui contenitori di presentazione).
 
Controlli e vigilanza
I controlli della conformità dei prodotti tessili alle indicazioni dì composizione previste dal D.Lgs. 194/1999 sono effettuati secondo i metodi di analisi previsti dalla normativa vigente.
Il Ministero dell'attività produttive è l'autorità incaricata del controllo e della vigilanza.

  • Violazione dell'obbligo di dotare il prodotto tessile di una etichetta o di un contrassegno indicante la sua denominazione e composizione o con indicazioni non chiaramente leggibili e visibili o che possono dar luogo a confusione sanzione amministrativa pecuniaria da 103 euro a 3.098 euro 
  • Omissione di documenti commerciali di accompagnamento (vedi conformità punto primo) sanzione amministrativa pecuniaria da 1.032 euro a 5.164 euro 
  • Violazione dell'obbligo di conservazione delle fatture e documentazioni tecniche ed amministrative per due anni dalla data della loro emissione sanzione amministrativa pecuniaria da 258 euro a 4.131 euro

A queste sanzioni amministrative pecuniarie non si applica il pagamento in misura ridotta di cui all'art. 16 della L. 689/198l.
 
Scarica i seguenti allegati

Momenti di studio

  • Dal 16 ottobre al 6 novembre 2007

La Camera di Commercio, in collaborazione con Centro Tessile Serico S.C.p.A., ha organizzato un ciclo di 4 incontri "PRODURRE CON QUALITA' PER UN MERCATO DI QUALITA'" in materia di indicazioni obbligatorie e requisiti volontari dei prodotti tessili.
I temi principali hanno riguardato le problematiche sui requisiti obbligatori ai fini dell'immissione in commercio: caratteristiche ed etichettatura dei prodotti tessili, ma anche controlli di qualità del prodotto su salute e sicurezza, in particolare per le sostanze nocive.

Riferimenti

  • Regolazione e tutela del mercato
  • Via Parini 16 - 22100 Como (Stanza 205)
  • Tel. 031/256.351 - 373 Fax.031/256.354
  • E-mail: tutela@co.camcom.it
  • Orari: Lunedý, martedý, giovedý, venerdý dalle 8:45 alle 12.15 Mercoledý (giornata del cittadino) dalle 8.30 alle 12.15

[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!