Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Soggetti e normativa

19 maggio 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

Soggetti e normativa

Legge 29 dicembre 1993, n. 580 - articolo 18 (fonte principale)
Decreto del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato 11 maggio 2001, n. 359 (regolamento)
Decreto del Ministero delle Attività Produttive 27 gennaio 2005, n. 54 (regolamento per l'applicazione delle sanzioni tributarie).
Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 172574 del 22 ottobre 2013
  


Soggetti obbligati al versamento
Il diritto è dovuto da ogni impresa iscritta o annotata nel Registro delle Imprese al 1° gennaio  dell'anno di riferimento o che è stata iscritta o annotata per almeno un giorno nell'anno stesso.
  
Dall'anno 2011 il diritto annuale è dovuto dai soggetti iscritti al Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative - REA - ai sensi dell'articolo 18 della legge 29 dicembre 1993, n. 580, come modificato dal decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 23.
  
L'importo del diritto non è frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell'anno.
  
Nel caso di trasferimento della sede legale o principale dell'impresa in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio ove è ubicata la sede legale o principale al 1° gennaio o altra data se l'impresa è stata costituita successivamente al primo gennaio dell'anno cui si riferisce il pagamento.
  
Si ricorda che:

  • le società iscritte al registro delle imprese che risultano poste in liquidazione sono assoggettate all'obbligo del pagamento;
  • la cessazione dell'attività non è più causa di esonero, in quanto sono tenute al pagamento anche le imprese inattive;
  • la domanda di cancellazione dell'impresa individuale presentata oltre il 30 gennaio dell'anno successivo alla cessazione dell'attività comporta comunque il pagamento per l'anno di cancellazione;
  • le imprese confiscate o sottoposte a sequestro sono tenute al versamento del diritto annuale in quanto non si verifica l'estinzione dei debiti per confusione secondo l'articolo 1253 del codice civile poiché la Camera di Commercio è un ente autonomo e non appartenente all'apparato dello Stato (circolare Ministero dello Sviluppo Economico n.117965 del 21 maggio 2012).


Soggetti esenti dal versamento
Le persone giuridiche private iscritte nel Registro tenuto dalla Regione Lombardia nonchè nel REA (Repertorio Economico Amministrativo) ai sensi del DPR n. 361/2000, qualora non svolgano attività economica, sono esenti dal versamento del diritto annuale.
 

Soggetti esonerati dal versamento

  • Imprese in stato di fallimento, al 1° gennaio, sempre che non esercitino provvisoriamente l'attività e quelle assoggettate alla liquidazione coatta ed amministrativa;
  • Società cooperative per le quali, al 1° gennaio, sia già stato proposto lo scioglimento d'ufficio, di cui all'articolo 2544 del Codice Civile;
  • Imprese in liquidazione volontaria che hanno approvato, prima del 1° gennaio, il bilancio finale di liquidazione, purché chiedano la cancellazione dal Registro entro il 30 gennaio dell'anno di riferimento;
  • Imprese individuali che hanno cessato l'attività, prima del 31 dicembre purché chiedano la cancellazione dal Registro entro il 30 gennaio dell'anno di riferimento.
  • Start-up innovative e incubatori certificati iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese di cui all'articolo 25 comma 8 del D.L. 179/2012, convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221.
    L'esenzione e' dipendente dal mantenimento dei requisiti previsti dalla legge per l'acquisizione della qualifica di start-up innovativa e di incubatore certificato e dura comunque non oltre il quinto anno di iscrizione.

Riferimenti

  • Diritto Annuale
  • Via Parini 16 - 22100 Como (Stanza 109)
  • Tel. 031/256.356-349 Fax.031/240.826
  • E-mail: diritto.annuale@co.camcom.it
  • Orari: Lunedý, martedý, giovedý, venerdý dalle 8:45 alle 12.15, mercoledý (giornata del cittadino) dalle 8.30 alle 12.15
  • note: Per ragioni organizzative, al di fuori dell'orario di sportello, l'ufficio potrÓ essere contattato esclusivamente via mail.

[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!