Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Marchio Internazionale

25 maggio 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

Marchio Internazionale

La procedura per il deposito di un marchio internazionale è il prodotto della Convenzione di Madrid, che ha introdotto un unico procedimento per la registrazione di un marchio tale da valere in tutti gli Stati aderenti alla stessa.
L'elenco dei Paesi aderenti alla Convenzione è reperibile sul sito ufficiale dell'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (www.wipo.int).
 
La registrazione del marchio internazionale
Il titolare di un marchio registrato nel paese d'origine può richiedere all'amministrazione competente il deposito del marchio stesso presso l'Ufficio Internazionale per la protezione della Proprietà Industriale di Ginevra (OMPI), il quale provvederà alla relativa registrazione.
E' necessario che il richiedente sia cittadino di uno degli Stati membri contraenti o abbia in tali paesi la residenza o, nel caso di una società, abbia la propria attività in uno degli Stati aderenti alla Convenzione.
 
La registrazione del marchio internazionale ha durata di 10 anni ed è rinnovabile.
Per i primi 5 anni la validità e l'efficacia del marchio internazionale sono legate alle vicende connesse al marchio depositato nel Paese d'origine. Qualsiasi  modifica o accadimento riguardante il marchio d'origine incidono automaticamente sulla registrazione internazionale.
Decorso il quinquennio, il marchio internazionale diviene indipendente dalle sorti della registrazione nel paese d'origine.
 
La domanda di registrazione del marchio internazionale può essere:

  • trasmessa all'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (34 Chemin des Colombettes, case postale 18, CH- 1211, Geneve 20, Suisse)
  • trasmessa direttamente o tramite l'amministrazione competente del Paese d'origine. Per l'Italia è competente il Ministero delle attività produttive ( Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, Via Molise 19, Ufficio G11, 00187 Roma)
  • presentata all'ufficio Brevetti e Marchi della Camera di Commercio, mediante il deposito del formulario OMPI, reperibile sul sito www.wipo.int

 
I diritti nascenti dalla registrazione
I diritti derivanti dalla registrazione di un marchio internazionale sono gli stessi che si otterrebbero depositando direttamente il marchio in ciascuno Stato designato. Il marchio internazionale infatti produce in ogni Paese indicato gli stessi effetti di un deposito nazionale. Risulta, pertanto, essere  assoggettato alle medesime regole ed obiezioni vigenti nei Paesi designati.
 
L'estensione territoriale e temporale del marchio internazionale
Dopo aver effettuato la registrazione di un marchio internazionale è possibile estenderne territorialmente la protezione ad altri stati in precedenza non rivendicati.
Non è invece consentita l'estensione merceologica di un marchio internazionale se non mediante un nuovo deposito.


[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!