Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Attività di facchinaggio

19 maggio 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

Attività di facchinaggio

Si intendono imprese di facchinaggio quelle che svolgono le attività, come di seguito indicate, anche con l'ausilio di mezzi meccanici o diversi, o con attrezzature tecnologiche, comprensive delle attività preliminari e complementari alla movimentazione delle merci e dei prodotti:

  • portabagagli
  • facchini e pesatori di mercati agro-alimentari
  • facchini degli scali ferroviari (compresa la presa e consegna dei carri)
  • facchini doganali
  • facchini generici
  • accompagnatori di bestiame
  • facchinaggio svolto nelle aree portuali da cooperative derivanti dalla trasformazione delle compagnie e gruppi portuali in base all'articolo 21 della legge 28 gennaio 1994 n. 84, e successive modificazioni ed integrazioni.

Le attività prese in considerazione dal regolamento sono esclusivamente quelle affidate in outsourcing ed esercitate quindi per conto terzi.
 
Non rientrano nella disciplina del facchinaggio:
Insacco, pesatura, legatura, accatastamento e disaccatastamento, pressatura, imballaggio, gestione del ciclo logistico (magazzini, ovvero ordini in arrivo e partenza), pulizia magazzini e piazzali, depositi colli e bagagli, presa e consegna, recapiti in loco, selezione e cernita (con o senza incestamento) di carta da macero, prodotti ortofrutticoli, piume e materiali vari, prodotti derivanti dalla mattazione, scuoiatura, toelettatura, macellazione, abbattimento di piante destinate alla trasformazione in cellulosa, carta o simili insaccamento od imballaggio di carta da macero, prodotti ortofrutticoli, piume e materiali vari, prodotti derivanti dalla mattazione, scuoiatura, toelettatura, macellazione, abbattimento di piante destinate alla trasformazione in cellulosa, carta o simili - non rientrano nella definizione di facchinaggio quando sono esercitate autonomamente.
     
Qualora l'attività principale dell'impresa sia la spedizione, il trasloco, la logistica, il trasporto espresso, non viene applicata la normativa in questione.
       
Il Regolamento che disciplina le attività di facchinaggio non si applica ai pesatori pubblici.
 
Procedure di iscrizione
L'esercizio dell'attività è subordinato alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività corredata delle autocertificazioni e delle certificazioni attestanti il possesso dei requisiti morali, previsti dalla normativa di settore (D.M. 30 giugno 2003, n. 221 ), il cui riconoscimento spetta al Registro delle imprese della Camera di commercio.
 
SCIA - Segnalazione certificata di inizio attività
In applicazione dei Decreti Legislativi 126 e 222 del 2016 (c.d. Decreti Madia) la S.C.I.A. Può essere predisposta utilizzando i moduli unificati e standardizzati disponibili sulla piattaforma www.impresainungiorno.it, con presentazione al SUAP di riferimento unitamente e contestualmente alla pratica di inizio attività presso il Registro delle imprese, oppure utilizzando i moduli camerali disponibili nell'apposita sezione, da allegare alla pratica telematica ComUnica di inizio attività, con presentazione direttamente alla Camera di Commercio.
      
In ogni caso non sarà ammissibile l’invio della sola Scia senza l’avvio contestuale comunicato al Registro imprese, né sarà accettata la pratica ComUnica senza l'indicazione degli estremi di presentazione al SUAP della S.C.I.A. o, alternativamente, priva del modello S.C.I.A. camerale.
    
L' imprenditore può iniziare a svolgere l'attività dalla data della presentazione della SCIA al SUAP. Le amministrazioni interessate hanno 60 giorni a disposizione per esercitare i controlli e prendere i provvedimenti necessari.

 
Moduli e manuali
Consultare la pagina Moduli e manuali per scaricare la modulistica aggiornata e per visionare le nuove disposizioni.
    
Dove andare
Consultare la pagina A chi rivolgersi per conoscere orari e sedi.

Riferimenti

  • Contact Center
  • Via Parini 16 - 22100 Como
  • Tel. 848.800.949 Fax.
  • E-mail: contact@co.camcom.it
  • Orari: E’ possibile parlare con gli operatori dal lunedì al venerdì dalle 8:45 alle 17:00
  • Registro Imprese, Artigianato, Albi e Ruoli
  • Via Parini 16 - 22100 Como (Piano terra)
  • Tel. 031/256.531 Fax.031/256.315
  • E-mail: registro.imprese@co.camcom.it
  • Orari: Lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle 8:45 alle 12.15; mercoledì (giornata del cittadino) dalle 8.30 alle 15.30. Nella fascia oraria dalle 12:15 alle 15:30 non verranno rilasciati i servizi di vidimazione libri sociali.
  • note: Dal 15 luglio al 15 settembre il mercoledì del cittadino è sospeso. L'ufficio risponde telefonicamente da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 10:00.
  • Servizio polifunzionale di Cantù
  • via Giulio Carcano 14 - Cantù (CO)
  • Tel. 031/715.724 Fax.031/712.512
  • E-mail: cantu@co.camcom.it
  • Orari: Lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle 8:45 alle 12.15; mercoledì dalle 8.30 alle 12.15
  • note: Dal 15 luglio al 15 settembre da lunedì a venerdì dalle 8:45 alle 12:15. L'ufficio risponde telefonicamente da lunedì a giovedì dalle ore 14:30 alle ore 15:45.

[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!