Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Chiudi

RIMUOVI

Usi e consuetudini

27 maggio 2019


Menu di navigazione rapido


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]


[ inizio pagina ]

Contenuto Principale della pagina

Usi e consuetudini

L. 121/1910; R.D. 2011/1934; L. 580/93


Gli usi e le consuetudini sono definiti dalla legge come comportamenti generali e ripetuti adottati dalla collettività per un lungo periodo di tempo, con la convinzione di obbedire ad una prescrizione giuridica obbligatoria. Sono una fonte normativa alla quale si fa riferimento quando manca una specifica disciplina legislativa o quando sono espressamente richiamati (art. 8, disposizioni sulla legge in generale, Codice Civile). L'uso non può né formarsi né essere contrario al disposto della legge stessa, non può essere quindi "contra legem".


Le Camere di Commercio hanno la funzione di raccogliere, accertare e revisionare gli usi e le consuetudini connessi alle attività economiche e commerciali (L. 121/1910; r.d. 2011/1934). Questa funzione rientra nell'ambito nelle competenze di "regolazione del mercato" attribuite alle Camera di Commercio dalla legge di riforma degli enti camerali (L. 580/93).


La revione degli usi avviene ogni 5 anni tramite una Commissione Provinciale.
Il Presidente della Commissione è un magistrato di qualifica non inferiore a Consigliere d'Appello ed è designato dal Presidente della Corte d'Appello.


Per ogni settore è possibile costituire appositi Comitati Tecnici. Le funzioni di segretario sono affidate ad un funzionario camerale.


La registrazione degli usi si articola in diverse fasi delle quali la pubblicazione rappresenta il momento conclusivo. Da quest'ultimo momento, è possibile utilizzare la raccolta dei fatti e dei comportamenti registrati come fonte di diritto, senza l'obbligo di dimostrare il caso concreto, cioè "fino a prova contraria" (art. 9 delle disposizioni sulla legge in generale).


Il volume è in distribuzione presso la Camera di Commercio di como . In alternativa è possibile scaricare l'ultima versione della Raccolta degli Usi e consuetudini della provincia di Como in formato pdf.

 
Vedi inoltre
Portale degli usi della Lombardia

Riferimenti

  • Regolazione del Mercato e Tutela del Consumatore
  • Via Parini 16 - 22100 Como | Via Tonale 28/30 - 23900 Lecco
  • Tel. 031/256.351 | 0341/292.229 Fax.031/256.354
  • E-mail: tutela@comolecco.camcom.it

[ inizio pagina ]

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!